Modalità:


Login  | 
Eventi e Notizie - 2014
Ita Andria, Patruno: "Si sta cadendo nella strumentalizzazione politica"
lunedì 14 luglio 2014 Da Ufficio Stampa

«Dopo circa quindici anni di totale disinteresse, tutto d’un tratto il Partito Democratico di Andria comincia a preoccuparsi con una certa insistenza del futuro dell’Istituto Tecnico Agrario “Umberto I” di Andria. Forse le imminenti scadenze elettorali hanno risvegliato il centrosinistra andriese da anni ed anni di torpore?»

Così l’Assessore alla Pubblica Istruzione della Provincia di Barletta - Andria - Trani, Giovanni Patruno.

«Tenendo fede a quello spirito di condivisione e trasparenza che da sempre ci contraddistingue, nei giorni scorsi abbiamo ospitato in Provincia il gruppo consiliare del PD di Andria per un confronto utile a fornire tutte le delucidazioni del caso - ha proseguito l’Assessore Patruno -. Incontro al termine del quale, inoltre, proprio gli amici del Partito Democratico si erano ripromessi di prodigarsi nel contribuire al rilancio dell’Ita attraverso alcune interlocuzioni con il Governo Renzi, a chiara matrice PD. Ma, evidentemente, ad Andria è già iniziata la campagna elettorale, e qualcuno preferisce strumentalizzare le sorti dell’Istituto Tecnico Agrario, affermando tutto e il contrario di tutto, tradendo il proprio pensiero e rimangiando gli impegni assunti. Da parte nostra, però, non c’è alcuna intenzione di buttarla nella bagarre politica: l’ “Umberto I” è un patrimonio troppo importante del nostro territorio per divenire materia di scontro in vista delle prossime elezioni».

L’Assessore provinciale alla Pubblica Istruzione Giovanni Patruno ha poi concluso: «Per quanto ci riguarda continueremo nel nostro impegno chiaramente rivolto alla valorizzazione ed alla crescita dell’Istituto Tecnico Agrario, grazie al quale in questi anni è sensibilmente aumentato il numero degli iscritti. Ed a scanso di equivoci, ribadiamo ancora una volta che l’Ita non chiude, non muterà indirizzo, né sede o denominazione, e continuerà a garantire il proprio percorso formativo. Con buona pace di chi per anni ne ha snobbato l’esistenza, per poi ricordarsene solo a pochi mesi dalle elezioni. Ai tanti ragazzi che continuano ad iscriversi all’Istituto Tecnico Agrario, invece, cogliamo l’occasione per rivolgere sin da ora il più sentito ringraziamento ed i migliori auguri per un percorso scolastico foriero di soddisfazioni in una delle scuole più prestigiose del nostro territorio».

L’Ufficio Stampa

Enrico Aiello


 
Ita Andria, Patruno: "Si sta cadendo nella strumentalizzazione politica"
lunedì 14 luglio 2014 by Ufficio Stampa

«Dopo circa quindici anni di totale disinteresse, tutto d’un tratto il Partito Democratico di Andria comincia a preoccuparsi con una certa insistenza del futuro dell’Istituto Tecnico Agrario “Umberto I” di Andria. Forse le imminenti scadenze elettorali hanno risvegliato il centrosinistra andriese da anni ed anni di torpore?»

Così l’Assessore alla Pubblica Istruzione della Provincia di Barletta - Andria - Trani, Giovanni Patruno.

«Tenendo fede a quello spirito di condivisione e trasparenza che da sempre ci contraddistingue, nei giorni scorsi abbiamo ospitato in Provincia il gruppo consiliare del PD di Andria per un confronto utile a fornire tutte le delucidazioni del caso - ha proseguito l’Assessore Patruno -. Incontro al termine del quale, inoltre, proprio gli amici del Partito Democratico si erano ripromessi di prodigarsi nel contribuire al rilancio dell’Ita attraverso alcune interlocuzioni con il Governo Renzi, a chiara matrice PD. Ma, evidentemente, ad Andria è già iniziata la campagna elettorale, e qualcuno preferisce strumentalizzare le sorti dell’Istituto Tecnico Agrario, affermando tutto e il contrario di tutto, tradendo il proprio pensiero e rimangiando gli impegni assunti. Da parte nostra, però, non c’è alcuna intenzione di buttarla nella bagarre politica: l’ “Umberto I” è un patrimonio troppo importante del nostro territorio per divenire materia di scontro in vista delle prossime elezioni».

L’Assessore provinciale alla Pubblica Istruzione Giovanni Patruno ha poi concluso: «Per quanto ci riguarda continueremo nel nostro impegno chiaramente rivolto alla valorizzazione ed alla crescita dell’Istituto Tecnico Agrario, grazie al quale in questi anni è sensibilmente aumentato il numero degli iscritti. Ed a scanso di equivoci, ribadiamo ancora una volta che l’Ita non chiude, non muterà indirizzo, né sede o denominazione, e continuerà a garantire il proprio percorso formativo. Con buona pace di chi per anni ne ha snobbato l’esistenza, per poi ricordarsene solo a pochi mesi dalle elezioni. Ai tanti ragazzi che continuano ad iscriversi all’Istituto Tecnico Agrario, invece, cogliamo l’occasione per rivolgere sin da ora il più sentito ringraziamento ed i migliori auguri per un percorso scolastico foriero di soddisfazioni in una delle scuole più prestigiose del nostro territorio».

L’Ufficio Stampa

Enrico Aiello